5 motivi per viaggiare nella regione più verde d’Italia

Se la destinazione del tuo viaggio è la natura, l’Abruzzo allora sarà la tua prossima vacanza.

Ecco dunque 6 buoni motivi per digitare “Abruzzo” sul tuo navigatore

  1. Scegliere l’Abruzzo significa viaggiare nella regione più protetta del territorio nazionale italiano, l’unica regione in Italia ad offrire 3 parchi nazionali, 1 parco regionale e 37 riserve naturali.
    Gli abruzzesi non hanno il “pollice verde”, hanno verde tutta la mano.
  2. Mattina in montagna e pomeriggio al mare. Teletrasporto? No, non è fantascienza, è l’Abruzzo.
    Atmosfere rilassanti, panorami straordinari e percorsi suggestivi di mare e montagna che si possono vivere anche nella stessa giornata.
    Grazie ad una particolare conformazione geografica, dove le vette più alte dell’Appennino si affacciano direttamente a mare, in Abruzzo è possibile passeggiare sui sentieri di montagna fino ai 3.000 metri di quota per poi raggiungere, in breve tempo, la costa adriatica.
    In spiaggia è così possibile riposare i polpacci gustando un sole generoso, una bibita fresca e un mare, da sempre, bandierina blu.
    Una vacanza al mare o un soggiorno in montagna?
    Ma perché scegliere se posso averli entrambi?
  3. Paese che vai, pietanze che trovi. La storia e la tradizione popolare sono gli ingredienti principali della cucina abruzzese.
    Un popolo di pescatori, allevatori, agricoltori le cui ricette sono una fedele rappresentazione della loro cultura e della loro identità.
    La tipicità dei piatti e delle specialità d’Abruzzo sono racconti da gustare boccone dopo boccone.
    Carne, pesce, salumi, formaggi, tartufi, dolci e vini locali, tracciano un percorso enogastronomico che attraversa secoli di storia e ricettari senza tempo.
  4. Arte, cultura e spiritualità. Non solo percorsi che dal mare portano alla montagna, non solo percorsi enogastronomici, l’Abruzzo nasconde sentieri e percorsi che portano altrove, verso luoghi straordinari che custodiscono un patrimonio immenso di arte e cultura.
    Chiese, eremi, abazie, basiliche, castelli e monasteri, un insieme e una varietà importante di stili architettonici, di tesori inestimabili, di opere d’arte che non aspettano nient’altro che il piacere della scoperta.
  5. Sport e natura nella definizione più estesa: “mente sana, in corpo sano, in ambiente sano”.
    Mountain bike, sci, parapendio, trekking a cavallo, snorkeling, arrampicate e ferrate, escursioni e attività outdoor.
    Se pensi che sia troppo suggeriamo allora una comoda battuta di pesca. Mare, fiumi e laghi: Preferenze?
    Magari non emozionante come un lancio in parapendio, ma di sicuro rappresenta una buona attività meditativa.
  6. L’accoglienza che non ti aspetti. Il valore aggiunto di questa terra.
    L’abruzzese è così come si presenta, apparentemente ruvido, una peculiarità che lo aiuta a difendere la propria autenticità, la propria schiettezza e la propria veracità.
    Il popolo abruzzese, senza maschere e senza troppi convenevoli, rispecchia perfettamente la genuinità della sua terra.
    La gente d’Abruzzo è come gran parte della natura che la circonda: incontaminata.